UNA COMUNITÀ IN MOVIMENTO

Gli Stati Generali sono il luogo in cui la comunità del Movimento 5 Stelle si incontra per affrontare i grandi temi che incidono sulla vita dei cittadini.

Definire la nostra agenda politica, attraverso la consultazione degli iscritti, significa gettare le basi per il presente e il futuro del nostro Paese.

Il grande processo di partecipazione politica “decentrato”, che da sempre è stato uno dei pilastri del Movimento, non si è mai fermato ed oggi la nostra capacità di rinnovarci ed innovare si esprime ancora di più in questa occasione di incontro e di dibattito che serve, prima di tutto, ad avere una visione di futuro, da cui tutta la comunità tragga vantaggi.

Gli Stati Generali partono dai territori e prevedono il coinvolgimento degli iscritti e attivisti in tutta Italia. E in questo momento così difficile per tutti, siamo orgogliosi che ci siano tante persone disposte a dare il proprio contributo per delineare l’asset strategico di una grande forza di maggioranza che sta guidando il Paese.

Perché scegliere cosa vogliamo essere vuol dire scegliere cosa sarà l’Italia.

LA PARTECIPAZIONE È LA NOSTRA FORZA

I protagonisti degli Stati Generali saranno i temi, gli obiettivi, i traguardi e l’organizzazione.
Con la partecipazione e la trasparenza, intendiamo raccogliere il più ampio ventaglio di suggerimenti utili a tracciare la strada che vogliamo percorrere.

Una grande occasione di ascolto, di dialogo e di confronto tra tutte le visioni per raggiungere una sintesi che non è il fine, ma il mezzo per raggiungere gli obiettivi.

Le idee e le proposte, elaborate durante gli incontri territoriali, confluiranno il 14 e l’15 novembre in una due giorni di confronto e di punto di raccordo finale, che si svolgerà on line. Una decisione obbligatoria, dovuta alle disposizioni assunte dal Governo e legate alla pandemia in corso.

Gli Stati Generali, grazie al supporto della tecnologia, potranno dunque svolgersi regolarmente e nel pieno rispetto delle misure anti-Covid.

A DECIDERE SARAI TU

Alla sintesi dei lavori prodotta la domenica mattina del 15 novembre, seguirà, nel pomeriggio, una assemblea che prevede un dibattito pubblico in diretta streaming, aperto a tutti gli iscritti del Movimento 5 Stelle.

Il risultato di questo lavoro partecipato, sarà un documento unitario, i cui contenuti dovranno essere successivamente sottoposti al voto della rete, all’assemblea degli iscritti, che avrà l’ultima parola. Un processo che parte dalla base e che alla base torna, per la decisione finale.

LA PARTECIPAZIONE È LA NOSTRA FORZA

I protagonisti degli Stati Generali saranno i temi, gli obiettivi, i traguardi e l’organizzazione.
Con la partecipazione e la trasparenza, intendiamo raccogliere il più ampio ventaglio di suggerimenti utili a tracciare la strada che vogliamo percorrere.

Una grande occasione di ascolto, di dialogo e di confronto tra tutte le visioni per raggiungere una sintesi che non è il fine, ma il mezzo per raggiungere gli obiettivi.

Le idee e le proposte, elaborate durante gli incontri territoriali, confluiranno il 14 e l’15 novembre in una due giorni di confronto e di punto di raccordo finale, che si svolgerà on line. Una decisione obbligatoria, dovuta alle disposizioni assunte dal Governo e legate alla pandemia in corso.

Gli Stati Generali, grazie al supporto della tecnologia, potranno dunque svolgersi regolarmente e nel pieno rispetto delle misure anti-Covid.

A DECIDERE SARAI TU

Alla sintesi dei lavori prodotta la domenica mattina del 15 novembre, seguirà, nel pomeriggio, una assemblea che prevede un dibattito pubblico in diretta streaming, aperto a tutti gli iscritti del Movimento 5 Stelle.

Il risultato di questo lavoro partecipato, sarà un documento unitario, i cui contenuti dovranno essere successivamente sottoposti al voto della rete, all’assemblea degli iscritti, che avrà l’ultima parola. Un processo che parte dalla base e che alla base torna, per la decisione finale.

Articoli

In queste settimane oltre 8.000 persone hanno partecipato a 170 riunioni, per un totale di quasi 1.000 ore di lavori. E fra ieri e
In queste settimane oltre 8.000 persone hanno partecipato a 170 riunioni, per un totale di quasi 1.000 ore di lavori. E fra ieri e